martedì 8 luglio 2014

Riflessioni sugli stereotipi di genere

Quando dicono che i bambini stupiscono sempre.
Sto cominciando a pensare che Valerio lo faccia apposta per farmi mantenere un minimo di elasticità mentale. 

Poi Valerio ha mostrato, nonostante nessuno di noi sia un esperto di motori, un'enorme passione per ruspe, gru, camion. Con tanto di richieste pressanti per vedere il motore dell'auto e farsi descrivere nei minimi particolari la batteria, il contenitore del liquido dei freni, quello dei fusibili e gli ammortizzatori. Tra l'altro spiazzandomi ogni volta perché, consapevole della mia ignoranza incolmabile, ho sempre rifiutato di interessarmi di queste cose, saltandole a piè pari persino studiando per l'esame di scuola guida.
E lì le mie convinzioni hanno cominciato a vacillare. Quindi c'è qualcosa di innato? Gli piacciono i motori perché è maschio? In effetti questi giochi non piacciono alla sua amica, che da sempre è uguale a lui e solitamente ha gli stessi interessi (siamo riusciti a convincerlo a mettersi i sandaletti per l'estate solo a patto che fossero uguali a quelli dell'amichetta!)

Sabato scorso, in una mattinata, è riuscito a farmi cambiare idea. E poi a farmela ricambiare.
Tutto è cominciato vedendomi mentre provavo la fascia che ci ha regalato la nonna per portare Irene. Valerio ha voluto imitarmi, chiedendo una striscia di tessuto in cui portare i suoi "bambini" (ah, tra l'altro siamo diventati nonni di un maiale, un cavallo e una mucca)


E così è rimasto tutto il giorno, a parte il pranzo e il pisolino in cui ho dovuto insistere per fargli togliere la fascia.

Portare in fascia, avere dei bambini, addirittura allattarli. Imitando la mamma che ogni tanto si stende sul letto (mi fa ridere perché dice: "quando ho i bambini in pancia 'ono 'tanco!") E' un "gioco da femmina".

Ecco, quindi non è interessato solo a ruspe e motori. Pensavo questo quando Valerio, vedendo il Babbo che tagliava l'erba, ha preso uno dei suoi carrettini e... eccolo (con la fascia) ad imitarlo.
Ma questo non vuol dire niente. Spesso sono io a tagliare l'erba, o almeno era un compito che svolgevo volentieri prima che la pancia mi impedisse nei movimenti.


Ma poi? Prende una palla e, invece di tirarla con le mani, comincia a calciarla. Ecco, il calcio... un gioco da maschio! Da chi avrà imparato? Non certo da me. Anche se a dire il vero, io sono negata anche per la pallavolo, tipico gioco da femmine. Per non parlare della danza, del nuoto o... di qualunque altro sport!


Notare la fascia coi "bambini" sempre addosso. Lo vorranno lo stesso ad un allenamento di calcio?

Per concludere in bellezza la giornata, Valerio ha aiutato me a pulire in terra col mocio (ehm... aiutato...) e il Babbo a passare l'aspirapolvere su poltrona e divani. Due attività evidentemente da femmina!


Pensandoci, calcio a parte, Valerio non ha fatto altro che imitare quello che vede fare dalle sue figure di riferimento.
Nessuno gli ha detto che non può portare in fascia i bambini (che non li può allattare lo scoprirà magari più avanti...) anche perché in casa vede foto di quando era più piccolo nel mei tai, sulla pancia del Babbo. Nessuno gli dice di non usare l'aspirapolvere, anche perché vede il Babbo che lo usa meglio di me.

Ho concluso che forse è proprio questa la risposta ai miei interrogativi: ci saranno delle preferenze, come quella delle ruspe e delle gru, che possiamo considerare più "da maschio", senza nulla togliere alle (poche?) femmine che hanno le stesse passioni. Ma sono le attività quotidiane che non devono essere "da maschio" o "da femmina".
E, come sempre, è proprio l'esempio che i bambini vedono in casa, quello che conta!

8 commenti:

  1. (Mi fa molto piacere che tu scriva più spesso!)

    Concordo con la tua conclusione finale. Noi stiamo cercando di farci aiutare di più da D nelle faccende di casa. Ed è più semplice per lui perché vede sia il papà che il nonno fare quasi tutti i lavori domestici anziché stare sdraiati sul divano mentre le donne sfacchinano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A breve non scriverò quasi più!!! Mi attendono tempi bui! Ahahah!
      Devo dire che ultimamente quella che sta più sdraiata sul divano sono proprio io... e Valerio ha subito imparato anche questo :-)

      Elimina
  2. Concordo pienamente , il mio piccolo ometto di quasi 2 anni, adora pulire in casa, e adora cucinare, fare il pane ecc... :-) e dare il latte ai peluche ih ih ih :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, anche a Valerio piacciono tutte queste attività. Soprattutto fare il pane... e questo in casa nostra è assolutamente un compito "da maschi" dato che se ne occupa il Babbo! ;-)

      Elimina
  3. Che meraviglia :) e come sono questi sandaletti uguali a quelli di una femminuccia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Incredibile ma vero... sono azzurri! Ahahah!

      Elimina
  4. Idem con patate. Giovanni, 5 anni, ormai da un paio si è orientato verso l'implicito "da maschi" e l'esplicito "questo no è da femmina". Anche lui verso i 2 ha manifestato un interesse pazzesco per auto, moto, camion ecc. Senza tralasciare il mocio, la preparazione delle torte, la lotta, il giardinaggio ecc. Insomma, un bel misto. E' molto (teneramente) macho, soprattutto ora che è cresciuto, e vedo che si beve ogni nostra azione, oltreché parola. Osserva me e suo padre e sono molto soddisfatta del fatto che mio marito è molto presente nelle faccende domestiche. Un ottimo esempio.
    Ora attendiamo di vedere la piccola, che idea si è fatta, per ora batte la fiacca alla grande...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, infatti. Confermi anche tu che l'essenziale è il buon esempio che si vede in casa!

      Elimina

I commenti ai post vecchi sono moderati. Se non vedi apparire il tuo commento, pazienta qualche ora. Grazie!